Skip to main content
recensioni

Subsonica: Ogni volta una nuova alba

By 17/05/2022Maggio 24th, 2022No Comments

Intramontabili. Questo è stato l’aggettivo che mi ronzava in testa per tutta la durata del live. Non c’è niente da fare, è la band che riesce a coinvolgere dalla fine degli anni 90 con la stessa intensità del primo giorno. Io me li ricordo ovunque, dai centri sociali ai palazzetti, con la stessa concentrazione e la spontaneità che riescono ad esprimere ogni volta, su palchi piccoli, grandi e piazze.

Il loro sound era già all’avanguardia dagli esordi e le parole dei loro testi restano un mix tra il ricercato, il pungente e il raffinato, e scaturiscono un’invidia positiva perché quelle parole di rabbia, disagio e determinazione le avremmo volute dire noi, nel corso degli anni.

Microchip Temporale è il nome del tour ed è la rivisitazione ed esaltazione dell’evergreen Microchip Emozionale dove ci siamo abbandonati a Strade, ci si incazzava con Colpo di Pistola e si soffriva con Aurora Sogna. Brani, tra l’altro rifatti e riproposti con un condimento indie/pop nel 2019.

Il pubblico a Senigallia è over 35, io mi sento a mio agio, come a una rimpatriata di vecchi amici universitari, che ho incrociato davvero. Ci si ritrova lì, gente che sente l’attaccamento al gruppo e una sorta di presunzione egoistica perché chi ama i Subsonica ha fatto di quei brani lo scandire delle proprie emozioni.

E sono andata a casa con un pensiero. Se l’aggettivo che li identifica è “intramontabili”, la frase/pensiero che mi porto via è estrapolata da Albe Meccaniche e recita così: “Nell’amara litania delle solite cose ci si può morire sai”.

C’è anche Ensi a dare un tocco di novità. Sale sul palco con estrema dimestichezza, canta, carica il pubblico e manifesta l’orgoglio di essere in tour con la band più figa d’Italia, parole testuali.

Si parte con Ali Scure, si torna indietro come un deja-vu con Istantanee poi un crescendo con Discoteca Labirinto e Il mio DJ, scritta anche da Claudio Coccoluto, che Samuel ricorda con stima e affetto, guardando verso l’alto. Non scende l’energia. Si assaporano sfumature nostalgiche solo sul finire, quando Tutti i miei sbagli è suonata nel modo più dolce e rilassato che ci sia. Ed è in questo momento che il Mamamia, nonostante  strapieno, appariva un luogo rilassato e sembrava di stare di fianco a un camino, in intimità, provando una certa commozione. Li vedevo quegli occhi sognanti della gente. Gli occhi di chi ha vissuto la serata del concerto come un susseguirsi di sentimenti e ricordi per quelle canzoni che hanno segnato amori impossibili o vissuti o rabbie implose o fatte fuori.

Esattamente così, siamo qui a manifestare noi stessi, dopo anni difficili, con un nuovo assetto e probabilmente un vera e propria istallazione di un microchip emozionale.

Se avessi avuto modo di intervistarli avrei chiesto: Se negli anni 90 pilotavate un destino romantico (semicit. Radioestensioni), oggi, nel 2022 che tipo di destino state guidando?

E sono andata a casa con un pensiero. Se l’aggettivo che li identifica è “intramontabili”, la frase/pensiero che mi porto via è estrapolata da Albe Meccaniche e recita così: “Nell’amara litania delle solite cose ci si può morire sai”. E questo vale sia per loro che hanno saputo variare e stupire, coinvolgere e trascinare, sia  dovrebbe valere per tutti. Reinventarsi e riscoprirsi nonostante tutto, ricominciando sempre da capo, ogni volta che subentra la noia.

altro dal blog

recensioni
06/05/2018

La verità è che non c’è niente che sia per sempre

Se c’è una cosa che ho sempre cercato di fare, è avvicinare canzoni, spesso dei generi più disparati e lontani tra loro, sulla base di un comune tema di fondo…
quando tre allegri ragazzi morti staradiorecensioni
16/04/2020

“Quando”, il sincero inno dei tre allegri ragazzi morti tutto da cantare (ma non sui vostri balconi)

14 Aprile, giorno nd di quarantena, pochi segnali di miglioramento, numeri non proprio esaltanti, ah e poi oggi piove. A dare un bagliore di speranza è una notifica arrivata in…
recensioni
08/04/2018

The Zen Circus. La rivoluzione, le piazze vuote, il cinismo

Se c’è una cosa che mi ha sempre colpito degli Zen Circus è il loro modo di porsi nei confronti della realtà sociale. Assumono, infatti, un atteggiamento sempre molto chiaro,…
recensioni
15/05/2020

Franek Windy: quattro band con cui ho condiviso il palco

Franek Windy è una delle cose più grezze, curiose, strane e affascinanti che si possono trovare da un paio d’anni a questa parte nel panorama musicale italiano. Il primo disco…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328