Skip to main content

Fantasma, una recensione.

Il tempo, questo terribile mostro che spaventa l’uomo, lo mette al mondo, lo costringe a vivere seguendo i piani immutabili del destino e taglia poi quel capello vitale che lo lega alla terra. Il tempo, scandito a ritmo dei lenti granelli di sabbia che si separano l’un l’altro, attraversano soli lo stretto stomaco di una clessidra, e cadono nell’abisso, insieme ad altrettanti compagni senza vita, che si rianimano quando le sorti del mondo sono ribaltate da un semplice movimento di polso. Il tempo, così distante eppure così concreto che l’uomo, per averne meno paura, lo chiama passato, presente, futuro, gli dà una veste più comprensibile.

Anche i Baustelle ce ne parlano. Gli dedicano addirittura un album intero, un concept album, per l’appunto, Fantasma. Abbracciano le paure umane, cercano di capirle, le trasformano in poesia e le riconsegnano più belle all’uomo. Fantasma è, infatti, un album complesso che si compone di diciannove tracce e segue un percorso ad anello, che scandisce un’idea ciclica del tempo: si apre con dei titoli di testa, per concludersi con quelli paralleli di coda, come in un film che ha un inizio, uno sviluppo e una tragica fine.

Fantasma (2013 – Warner Atlantic) parla anche della morte sì, perché il tempo inevitabilmente significa anche questo. La morte, tuttavia, annienta sé stessa, muore per dare spazio all’amore: non esiste più, non parla più, non vende più. Da qui un meraviglioso richiamo leopardiano alla ginestra che nasce sul calore della nera pietra lavica e la sconfigge, a indicare l’amore che tutto può. Non a caso, la successiva traccia strumentale prende proprio il titolo di Nessuno muore.

Teofania ci sorprende: stavolta a rappare sono i fondatori di alcune delle più famose correnti religiose. Parliamo di Esiodo, Zarathustra, Siddhattha, Yeshua e Muhammad.

Futuro è, invece, colonna sonora de I corpi estranei. Il titolo mette in chiaro il protagonista del brano, spiegandone il duplice comportamento, tuttavia coerente: da una parte c’è l’agire costruttivo del futuro che cementifica ciò che ha logica di resistere, la vita possibile; dall’altra desertifica ciò che non ha possibilità di sopravvivenza, ovvero la vita ipotetica, priva di logico fondamento. Il futuro si comporta qui come un invincibile mostro o eroe: rende piccolo il passato (ciò che siamo stati non saremo più), lo priva del suo significato.

In Maya colpisce ancora, ritorna il tema del futuro, ma questa volta contrapposto al suo passato: la ricerca del passato e le speranze nel futuro. È un brano sulla fine dell’età umana, sull’estinzione della razza umana (richiamando un’altra traccia del concept album), tema così tragico che contrasta spaventosamente con la base musicale allegra e ritmata.

Del presente, invece, parla Diorama, termine che, secondo la magistrale Treccani, indica uno strumento del 1822, creato per ottenere effetti tridimensionali nella rappresentazione di luoghi, persone e oggetti, mediante una serie di teloni trasparenti disposti verticalmente a diverse distanze reciproche e opportunamente illuminati da fonti di luce nascoste allo spettatore. Di fatto, ciò che ne risulta è la forte impressione realistica di panorami di cui vengono esaltati gli effetti prospettici. La canzone parla, appunto, del presente dove non c’è prima e non c’è poi; il tempo è benefico perché non ci può far male, dà l’illusione dell’immortalità, che si ritrova in un presente che non muore mai, che abita i luoghi magici del diorama.

Altro brano che merita particolare attenzione, oltre a Monumentale, un chiaro richiamo alla poesia foscoliana e sepolcrale, è Radioattività, da cui emerge l’idea di un tempo sospeso, sottolineata da termini come spazio siderale e aldilà. Il brano è musicalmente spoglio per dare risalto alla voce femminile ed elegante di Rachele Bastreghi che accompagna dolcemente una prospettiva che, da distante e universale, si fa particolare fino a depositarsi sull’individuale dolore umano.

Insomma, al tempo nessuno sfugge, ma i Baustelle, nella parentesi del loro concept album, danno all’uomo l’illusione così realistica che, in realtà, tutto ciò sia possibile.

Nessuno muore.

Monica

altro dal blog

recensioni
19/12/2016

La fine dei Vent’anni

Esiste un sentimento strano che assale l’essere umano alla fine di un concerto, un sentimento strano che vacilla tra l’adrenalinico senso di immortalità, quello che ci fa venir voglia di…
cose nuove
16/10/2020

Fuori “Lettere.”, il brano d’esordio dei Duaflox, i gemelli dell’indie italiano

Controllate bene la vostra cassetta postale perché a mezzanotte è uscito “Lettere.”, il singolo di esordio dei Duaflox. I Duaflox sono un duo formato da Alessandro e Paolo De Gregoriis,…
recensioni
27/02/2018

Irene, la musica e il pane quotidiano

Irene è uno dei brani di maggior successo di Gioventù brucata, album firmato Pinguini Tattici Nucleari e uscito lo scorso anno: testo efficace, ironici giochi di parole, suoni allegri e…
cose nuove
20/10/2020

Questa settimana vi consigliamo “Je suis désolé” di Mudimbi

Lo scorso venerdì Mudimbi ha pubblicato “Je Suis Desolé”, un brano carico di energia e ultimo assaggio di quello che sarà “Miguel”, il terzo album dell’artista italo-congolese in uscita venerdì…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328