Skip to main content

Passo numero uno: raccogliere alcuni ricordi dell’infanzia e dell’adolescenza con una retina da pesci rossi mentre affiorano sulla superficie dell’ippocampo.
Passo numero due: sistemarli su un pentagramma appositamente predisposto, con influenze elettroniche e R’n’B.
Passo numero tre: cantare.

Ecco fatto.

Curriculum vitae è il debutto ufficiale di Rareș. Lui ha ventidue anni e una voce calda e giovanile, che riesce a passare rapidamente da un tono malinconico ad uno sorridente.

L’album è delicato e quasi elegante negli arrangiamenti, una ventata d’aria fresca nell’indie italiano.

È un racconto lungo la cui protagonista è la giovinezza: la famiglia, gli studi, le passioni, i primi amori e soprattutto la musica. Lui stesso ha dichiarato, il giorno dell’uscita dell’album, di considerare le sue canzoni dei promemoria che però non si legano a luoghi precisi. Chiunque ascolti si può tuffare nel paesaggio musicale e farlo suo.

E noi ci tuffiamo.

L’album inizia con la promettente “Spalle” più e il suo ritmo orecchiabile che entra in testa, così come il testo, e continua a ruota con “Calma”. Loro due, “Io non ho parole in più” e “Marcellino” profumano di Andrew Bird. Più le canzoni scorrono più sembrano materiale da colonna sonora.

“Mamma banane” e “Vene più” si portano dietro un’atmosfera da zona industriale d’estate, Pallore è una scena al campetto dell’oratorio.

Ogni ritornello è un fotogramma, ogni ascolto un film nuovo.

altro dal blog

dola ugo borghetti pepita staradiorecensioni
30/03/2020

“Pepita”, il nuovo ubriaco singolo di Dola e Ugo Borghetti

“Cultura Mixtape”, l’ep di Dola che si completa di canzone in canzone, si arricchisce del suo quinto singolo: Pepita. L’artista romano realizza il suo primo featuring e per un’occasione così…
Blumossorecensioni
03/12/2018

IN UN BAULE DI PERSONALITÀ MULTIPLE

“In un baule di personalità multiple”: i Blumosso dipingono le dieci sfumature dell’amore Alcune canzoni ce le sentiamo cucite addosso, in ogni angolo della nostra anima. Parlano per noi quando…
recensioni
05/03/2020

Dai “Diari” a “La campana di vetro”. Le drammatiche confessioni di Sylvia Plath // STARADIO IN LETTERE

Mi sentivo depressa, apatica e piena di belle fantasie infrante. Sono sincera. Non conoscevo Sylvia Plath fino alla scorsa estate, quando Elisa me l’ha presentata suggerendomi caldamente la lettura dei…
recensioni
04/05/2020

Come scrivere un buon “curriculum vitae”: un tutorial di Rareș

Passo numero uno: raccogliere alcuni ricordi dell’infanzia e dell’adolescenza con una retina da pesci rossi mentre affiorano sulla superficie dell’ippocampo. Passo numero due: sistemarli su un pentagramma appositamente predisposto, con…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328