Skip to main content

Controllate bene la vostra cassetta postale perché a mezzanotte è uscito “Lettere.”, il singolo di esordio dei Duaflox.

I Duaflox sono un duo formato da Alessandro e Paolo De Gregoriis, fratelli gemelli nati e cresciuti nella provincia di Teramo. I due suonano insieme sin da piccolissimi e, dopo diverse esperienze in vari gruppi musicali, hanno deciso di iniziare a scrivere e cantare insieme creando un nuovo progetto.

Il brano, prima di essere pubblicato su tutti i digital store e servizi streaming, era stato preceduto da alcune cover postate sulle pagine social ufficiali dei Duaflox, che hanno così dato un assaggio delle loro abilità e del loro stile in fatto di musica.

“Scriverti ancora lettere”, suona proprio così il travolgente ritornello del brano che, grazie alla sua capacità di stamparsi subito in testa e alle sue sonorità frizzanti e vintage, prende di diritto un posto all’interno della scena indie-pop (per i più navigati it-pop) italiana: un panorama musicale da cui i Duaflox hanno tratto la maggior parte della loro influenza e delle loro idee per dar vita a questo nuovo progetto.

Di fatti il testo del brano si compone di un linguaggio fresco e moderno, che riprende la nuova scuola del cantautorato italiano lanciata e resa popolare da artisti come Calcutta, Gazzelle e Canova.

Il singolo è stato inoltre prodotto dal duo con la collaborazione di Nacor Fischetti dei La Rua, conosciuto nella sua veste da produttore come N-Core.

“Lettere. sarà un brano che vi farà sorridere e poi riaccenderà la vostra malinconia, l’emozione che prevarrà dipende da voi, dal vostro stato d’animo e da che periodo state vivendo della vostra vita."

“Magari penserete ad una persona in particolare, chissà. È questo ciò che facciamo, raccontiamo storie, esperienze, le mettiamo in musica, le cantiamo, poi ogni uno la interpreta a modo suo, ci mette del suo. È questo il bello della musica, giusto?” – dichiarano i due fratelli.

Non vi resta dunque che aprire la cassetta postale sotto all’articolo, ascoltare il brano d’esordio dei Duaflox e lasciare che “Lettere.” arrivi a destinazione.

Avvertenze: il ritornello del brano ha un alto grado di contagiosità, Staradio consiglia di ascoltare con cautela e non creare assembramenti durante la riproduzione.

altro dal blog

recensioni
20/05/2018

Vivere o morire. Motta, la condizione umana e l’elogio del dubbio

Se l’esordio di Motta con La fine dei vent’anni (2016) aveva tracciato un sentiero promettente per la carriera del musicista pisano, il suo secondo album Vivere o morire, rilasciato lo…
quando tre allegri ragazzi morti staradiorecensioni
16/04/2020

“Quando”, il sincero inno dei tre allegri ragazzi morti tutto da cantare (ma non sui vostri balconi)

14 Aprile, giorno nd di quarantena, pochi segnali di miglioramento, numeri non proprio esaltanti, ah e poi oggi piove. A dare un bagliore di speranza è una notifica arrivata in…
recensioni
19/12/2016

La fine dei Vent’anni

Esiste un sentimento strano che assale l’essere umano alla fine di un concerto, un sentimento strano che vacilla tra l’adrenalinico senso di immortalità, quello che ci fa venir voglia di…
recensioni
15/04/2018

In questa terra di amore e di violenza. Volume 2

L’amore e la violenza vol. 2 è l’ottavo album in studio dei Baustelle, uscito lo scorso 23 marzo, a circa un anno di distanza dall’album precedente che lo ha ispirato.…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328