Skip to main content

Ragazzina è il dodicesimo e ultimo brano de L’amore e la violenza, album dei Baustelle (2017) che lo stesso Bianconi, voce del gruppo e autore dei testi, descrive come un disco “oscenamente pop”.

È una canzone scritta da un padre che continua a vedere sua figlia come una ragazzina, appunto. Si sente incerto e forse non all’altezza del proprio ruolo. Infatti, mentre lui si pone domande esistenziali, tipo se il problema più importante del reame sia vivere o morire, sua figlia cammina accompagnata dai mostri, come in una favola che racconta delle paure e dei traumi della coscienza umana.

In questa favola, tutto è caratterizzato dalla fragilità: infatti, la ragazzina passeggia leggera, sulle sue gambe secche, tra coralli e delfini.

Anche il suo dolore è effimero come un fiore di tarassaco, che si dissolve e vola via trasportato dal vento di un soffio. È il dolore di una bambina bella come Biancaneve che percorre le strade sterrate del mondo e, lungo il percorso, affronta mille ostacoli da cui non sempre esce vittoriosa: cade e le sue ginocchia di sbucciano e iniziano a sanguinare, la bora le spettina i capelli e una vipera la fa inciampare.

Sono tutte prove della crudele realtà in cui è costretta a vivere, ma lei, soldatino dell’amore e della guerra, continua a combattere a fianco di suo padre che, in mezzo al diluvio, le offre riparo.

Il brano si conclude con dei versi che riprendono proprio una delle più famose canzoni di Natale, “Tu scendi dalle stelle”: il Re del Cielo è condannato a vivere in una grotta al freddo e al gelo, simbolo di un mondo di contraddizioni (tra Gesù Bambino e l’Uomo Nero) e che non sempre offre caldo riparo.

altro dal blog

recensioni
27/02/2018

Irene, la musica e il pane quotidiano

Irene è uno dei brani di maggior successo di Gioventù brucata, album firmato Pinguini Tattici Nucleari e uscito lo scorso anno: testo efficace, ironici giochi di parole, suoni allegri e…
recensioni
06/05/2019

SXRRXWLAND O IL PRIVILEGIO DI POTERSI DEFINIRE “GIOVANI PREDATORI”

La prima volta che ho sentito i Sxrrxwland ho letteralmente pensato allo schioccare della lingua sul palato quando hai la bocca piena di saliva. Sono tristi, incompresi, lasciano intendere che…
quando tre allegri ragazzi morti staradiorecensioni
16/04/2020

“Quando”, il sincero inno dei tre allegri ragazzi morti tutto da cantare (ma non sui vostri balconi)

14 Aprile, giorno nd di quarantena, pochi segnali di miglioramento, numeri non proprio esaltanti, ah e poi oggi piove. A dare un bagliore di speranza è una notifica arrivata in…
Mòn Liverecensioni
05/11/2018

KATE 2×01 – Mòn

Lo scorso venerdì noi di Staradio siamo tornati a Fermo. Con noi c’era Kate che, dopo essersi presa una lunga pausa estiva, è pronta a partecipare a tutte le date…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328