Skip to main content

Degli Era Serenase, che affermano di fare “tipo rap” ma che è più una specie di hip hop fantasioso e comunque difficilmente descrivibile, non si può dire che siano degli emergenti. Appaiono in questo piano di esistenza più o meno nel 2014, hanno già prodotto un disco e diversi singoli, possono contare su una nutritissima schiera di seguaci, e fanno capolino occasionalmente in radiotelevisione (addirittura!). Sono difficilmente descrivibili perché gli aggettivi papabili affiorano numeorsi sulla punta della lingua, e scegliere è un peccato: ironici, divertenti, orecchiabili, onirici, psichedelici, poetici.

Il loro nuovo EP, “Spine”, ci complica ulteriormente la vita. C’è qualcosa di delicato in quello che si ascolta, di più dolce e meno acido di quanto sentito finora. Forse è un risvolto inaspettato che è apparso solo ora, tra una rima e l’altra, o qualcosa che sobbolliva già da diverso tempo. Il risultato è bello e avvolgente. Come sempre le voci di EraSfera (le parti in rap) e Serenase (le parti in vocalizzi) si rincorrono su un morbido tappeto di suono digitale, senza mai farsi davvero concorrenza. L’EP sembra diviso in due parti speculari: da una parte l’ironia di Acqua Ossigenata e Vecchi, dall’altra la poesia di Spine e Catrame. I primi pungono le dita, i secondi rinfrescano; senza dubbio, alternati l’uno all’altro, danno un piacere immenso.

Già attendiamo un possibile secondo album con curiosità: immaginate cosa c’è in fondo al vaso di Pandora.

 

altro dal blog

cose nuove
11/03/2022

COSENUOVE #04 /// febbraio 2022

TROVI LA PLAYLIST COSENUOVE #04 IN FONDO ALL'ARTICOLO!   Hey, ciao! L'articolo che stai leggendo serve per presentarti COSENUOVE #04, una playlist che raccoglie le nuove uscite musicali e questo…
recensioni
19/03/2020

Il ragazzo più felice del mondo di Gipi: una non recensione

17.03.2020 - day #9 dell'autoisolamento durante il Covid-19 Tra una puntata di Sex Education e la lettura di vecchi Dylan Dog (sì poi mi aggiornerò anche sui nuovi, intanto sempre…
recensioni
19/03/2018

Cinque canzoni sul fallimento

Un paio di sere fa, la riproduzione casuale della mia autoradio mi ha offerto la giusta ispirazione per poter condividere qualche brano su un tema molto affrontato dalla musica indipendente…
quando tre allegri ragazzi morti staradiorecensioni
16/04/2020

“Quando”, il sincero inno dei tre allegri ragazzi morti tutto da cantare (ma non sui vostri balconi)

14 Aprile, giorno nd di quarantena, pochi segnali di miglioramento, numeri non proprio esaltanti, ah e poi oggi piove. A dare un bagliore di speranza è una notifica arrivata in…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328