Skip to main content

Il nuovo album di Colombre, “Corallo”, è uscito da pochi giorni e sta allietando il mio periodo di quarantena a casa. Stavo riflettendo sul significato del corallo che ha dato il nome al progetto e ho subito pensato alla fragilità delle barriere coralline, deturpate dall’essere umano. E penso che non ci sia nulla di più attuale di questo: la natura che, in questi giorni in cui l’uomo è costretto a casa, sta riprendendo la sua vitalità.

L’uscita dell’album è stata, in realtà, anticipata dal lancio di tre singoli: rispettivamente, "Non ti prendo la mano", "Arcobaleno" e "Per un secondo".

Il primo è una sincera dichiarazione di non-interesse, di non-amore, quello che, per intenderci, Battisti non voleva vivere neanche un minuto. Con “Arcobaleno”, invece, ritorniamo al tema della fragilità dei sentimenti umani che si stagliano su uno sfondo di eternità – l’acqua che riempie il mare, la corrente che scorre nel fiume e l’ombra che oscura il prato. Arriviamo, così, a “Per un secondo”, anche questo un inno sincero che chiude, tematicamente, la struttura ad anello, aperta con il rilascio del primo singolo. La mia preferita finora è, però, “Crudele”: mi sciolgo ogni volta che ascolto quel sussurrato amore mio, che diventa una supplica d’amore e di perdono per quell’atteggiamento impassibile che si intuisce un po’ da alcuni degli altri testi. “Anche tu cambierai” tradisce lo zampino di Maria Antonietta, fedele compagna di Colombre, nella vita e nella musica; il testo trasuda dolcezza, così come “Mille e una notte”, che ci catapulta nel mondo delle “favole” e del diverso significato che assumono quando siamo bambini e quando adulti.

Se mai, caro Giovanni, leggerai questa mia recensione – se così si può chiamare: probabilmente sarò venuta meno a convenzioni stilistiche e sintattiche – spero che ti arrivi tutta la mia gratitudine per riuscire a parlare così tanto col cuore. Sei capace di arrivare direttamente, senza filtri, e ci insegni qualcosa in più su questa trama complessa fatta di intricate relazioni umane.

altro dal blog

recensioni
11/10/2020

Ecco Adelasia, il suo brano “Camera mia” è la miglior uscita settimanale

È uscito venerdì a mezzanotte “2021”, il primo album di Adelasia targato Sbaglio Dischi. Adelasia Lazzari è una giovane cantautrice lucchese che ha iniziato a far musica un po’ per…
recensioni
08/04/2018

The Zen Circus. La rivoluzione, le piazze vuote, il cinismo

Se c’è una cosa che mi ha sempre colpito degli Zen Circus è il loro modo di porsi nei confronti della realtà sociale. Assumono, infatti, un atteggiamento sempre molto chiaro,…
recensioni
13/05/2020

Le “Conseguenze” di Blumosso: il concetto di casa e di solitudine

Blumosso è il progetto di Simone Perrore, cantautore che abbiamo conosciuto tempo fa e con il quale ci piace sempre scambiare quattro chiacchiere. In questi tempi così delicati, ci ha…
recensioni
05/03/2020

Dai “Diari” a “La campana di vetro”. Le drammatiche confessioni di Sylvia Plath // STARADIO IN LETTERE

Mi sentivo depressa, apatica e piena di belle fantasie infrante. Sono sincera. Non conoscevo Sylvia Plath fino alla scorsa estate, quando Elisa me l’ha presentata suggerendomi caldamente la lettura dei…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328