Skip to main content

Sono passati alcuni giorni ormai dalla prima edizione del “Sei tutto l’indie fest” avvenuta al Monk di Roma. Avrete già letto com’è andata nei vari articoli degli altri media partner perciò non aspettatevi che lo faccia anche io. Vorrei parlarvi piuttosto dei retroscena di quella fantastica giornata di buona musica e incontri: ciò che è avvenuto prima che si aprissero le porte e che il pubblico potesse lasciarsi incantare dall’atmosfera di familiarità che aleggiava dentro e fuori il Monk.
Organizzare un festival non è cosa facile, chiedetelo a Giuseppe e Gian Marco, i fautori dell’evento, che solo durante l’intera giornata di sabato hanno percorso mille mila km per rendere tutto nel migliore dei modi, tra momenti di ansia (giustificatissima) e di tensione. Noi di Staradio* siamo stati lì a vivere con loro l’attesa, gli ultimi preparativi e l’arrivo delle band, cercando di trasmettere vibrazioni positive.
In realtà, un concerto inizia molte ore prima della salita sul palco, vanno scaricati gli strumenti, vanno provate le luci e va fatto il soundcheck, eppure proprio nel bel mezzo delle mansioni più “noiose” ci sono quei momenti di gioco in cui conosci meglio davvero gli artisti, in cui scopri la loro umanità da un punto di vista diverso da quello musicale. I Pinguini Tattici Nucleari sono l’esempio lampante, trovano il divertimento anche nella fatica di dover scaricare il furgone appesantito da tutta la strumentazione, e appena finito, si appropriano del biliardino per improvvisare una sfida con i ragazzi di Sei tutto l’Indie (che qualcuno ci dica chi ha vinto!).

Al momento della cena sembra di essere tornati a scuola, quando a mensa si fa tutto tranne che mangiare e le classi si mischiano per socializzare e stringere nuove amicizie, si chiacchiera, si scherza e si dorme, perché sì, qualcuno è riuscito a dormire sui divanetti nonostante la confusione. Buttato giù l’ultimo boccone, tutti a sistemare il proprio merch sulla grande tavolata nera poco lontana dall’ingresso: anche qui, tra gli addetti “alle vendite”, c’è buona energia, da timidi accenni di saluti a “Oh, andiamo a bere insieme!” è un attimo. Ci si aiuta, ci si sostiene e ci si fa compagnia.
Sabato 13 Maggio al Monk di Roma, è come se ci sia stata una grande riunione familiare, una di quelle in cui incontri per la prima volta parenti lontanissimi ma che appena li conosci li senti più vicini che mai. Sono questi gli eventi che tengono alto il nome della scena musicale italiana.
Ah comunque, tenete d’occhio i Mòn, rivelazione della serata, stellari oserei direi.
Sincerely,
Aria
PS: Ragazzi, abbiamo in sospeso la sfida a biliardino: Staradio VS Sei tutto l’Indie di cui ho bisogno!
L’illustrazione è della Ludo per Tutti i Miei Disegni Inutili

altro dal blog

recensioni
10/06/2018

La musica del farmaco: dal paracetamolo di Calcutta al Lexotan de I Cani.

Paracetamolo è il terzo singolo del nuovo album di Calcutta, uscito lo scorso mercoledì 16 maggio, a conclusione di un percorso di rilascio di altri due singoli, prima Orgasmo e…
recensioni
15/05/2020

Franek Windy: quattro band con cui ho condiviso il palco

Franek Windy è una delle cose più grezze, curiose, strane e affascinanti che si possono trovare da un paio d’anni a questa parte nel panorama musicale italiano. Il primo disco…
recensioni
21/05/2019

LA MUNICIPÀL: I “BELLISSIMI DIFETTI” TRA DECADENZA SOCIALE ED ELOGIO DELLE IMPERFEZIONI

La Municipàl è il duo salentino composto dai fratelli Carmine ed Isabella Tundo che si sta affermando con notevole spicco nell’ambito della scena musicale indipendente italiana. Se consideriamo l’album “B-Side”…
recensioni
24/05/2022

COSETTE / Una piccola playlist con gli Smile in copertina

TROVI LA PLAYLIST COSETTE IN FONDO ALL'ARTICOLO!   COSETTE è una piccola playlist con gli Smile in copertina e con molte canzoni belle che probabilmente non conosci, ma che ti…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328