Skip to main content

“Cultura Mixtape”, l’ep di Dola che si completa di canzone in canzone, si arricchisce del suo quinto singolo: Pepita. L’artista romano realizza il suo primo featuring e per un’occasione così importante c’era bisogno di un nome caldo. Chi scegliere allora se non Ugo Borghetti, che di caldo non disdegna nemmeno una Peroni. I due sono strettamente legati da un ruvido tono di voce ma dal punto di vista musicale appaiono parallelamente opposti. Dola nel suo primo album “Mentalità” ha messo però in mostra una grande trasversalità artistica, unendo il cantautorato all’elettronica e il romantico al crudo. Nella sua attitudine musicale si nota inoltre un continuo attingere alla cultura hip hop, da qui ecco la collaborazione ed ecco Pepita.

Il singolo si muove inizialmente sul bancone di un qualche bar accompagnato da un profondo senso di amarezza con Ugo Borghetti che incastra rime ed alcolici.

Con l’arrivo di Dola questa amarezza esplode in un ritornello da cantare a squarciagola nel pieno dell’ubriachezza, magari con i bicchieri che si frantumano a terra. Riprende la parola il rapper che nella sua seconda strofa ci concede anche riferimenti romanticamente calcistici (“’na sigaretta dopo l’altra paro Zeman”, “Stamattina c’ho la stessa proprietà de linguaggio de Boskov”) e manda messaggi d’affetto ai propri amici, lasciando poi di nuovo spazio allo straziante urlo liberatorio di Dola.
Il rap crudo e reale di Ugo e la voce emotiva e graffiante di Dola uniti a quel pizzico di disagio (“in gita a San Patrignano) che ha contraddistinto finora l’EP sono quindi gli elementi giusti per ottenere un brano che farà breccia nei cuori degli ascoltatori e si guadagnerà sicuramente un posto di tutto rispetto nelle Playlist più grigie di Spotify.

altro dal blog

recensioni
20/05/2018

Vivere o morire. Motta, la condizione umana e l’elogio del dubbio

Se l’esordio di Motta con La fine dei vent’anni (2016) aveva tracciato un sentiero promettente per la carriera del musicista pisano, il suo secondo album Vivere o morire, rilasciato lo…
recensioni
20/03/2020

“Spine”, l’ultimo EP degli Era Serenase // Recensione

Degli Era Serenase, che affermano di fare “tipo rap” ma che è più una specie di hip hop fantasioso e comunque difficilmente descrivibile, non si può dire che siano degli…
recensioni
25/08/2019

ED È QUASI COME ESSERE FELICI // MOTTA @ MAMAMIA 24/08/2019

24 agosto. Un’estate che sta per giungere al termine: la fine dell'estate, come quella dei vent’anni, se vogliamo citare il titolo del brano che ha resto famoso Francesco Motta, cantautore…
recensioni
08/04/2018

The Zen Circus. La rivoluzione, le piazze vuote, il cinismo

Se c’è una cosa che mi ha sempre colpito degli Zen Circus è il loro modo di porsi nei confronti della realtà sociale. Assumono, infatti, un atteggiamento sempre molto chiaro,…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328