Skip to main content

Hanno inaugurato il loro “Un incubo stupendo” tour ieri sera, facendo esplodere di energia il Dejavu di Sant’Egidio (TE): sono il Management del dolore post-operatorio, alias Luca Romagnoli e Marco Diniz Di Nardo.

Il duo abruzzese ha raccontato quella gioia di vivere male nel tempo delle cose inutili che anima la loro musica da sempre, saltando dai nuovissimi brani come Il vento o Un incubo stupendo alle pietre miliari del gruppo come Auff! o Lasciateci divertire.
La voce di Luca Romagnoli ha animato un discorso musicale che si trasformava camaleonticamente ora in poesia ora in cinico sarcasmo, restando sempre fedele all’unico imperativo della serata: divertirsi! E di sicuro il divertimento non è mancato grazie all’energia del pubblico pogante, come in ogni concerto punk/rock che si rispetti, e alla carica della band e di Romagnoli, che non si è risparmiato alle braccia del pubblico, tuffandosi più volte in quel mare di braccia, fumo e sudore per naufragarvi.
Chicche della serata sono stati i duetti inaspettati con Ivo Bucci (Voina) per Esagerare sempre e con Stefano Minelli, autore del testo di Visto che te ne vai.
Insomma, che dire, se è di vivere male che si tratta, con il Management si vive male, ma almeno felici.
Articolo di Marianna Di Labbio
Illustrazione di Ludovica Fantetti

altro dal blog

cose nuove
07/04/2022

COSENUOVE #05 /// marzo 2022

TROVI LA PLAYLIST COSENUOVE #05 IN FONDO ALL'ARTICOLO!   Hey, ciao! L'articolo che stai leggendo serve per presentarti COSENUOVE #05, una playlist che raccoglie le uscite musicali, italiane e internazionali,…
cose nuove
04/10/2020

È “C’hai ragione tu” (Gianni Bismark feat. Emma) la miglior uscita settimanale

La storia del cantautorato italiano come sappiamo ha visto l’ascesa di artisti di assoluto valore, capaci di consacrarsi poi anche a livello mondiale e i cui capolavori sono ancora oggi…
recensioni
14/06/2019

FANTASMA: IL TEMPO DEI BAUSTELLE // UNA RECENSIONE

Fantasma, una recensione. Il tempo, questo terribile mostro che spaventa l’uomo, lo mette al mondo, lo costringe a vivere seguendo i piani immutabili del destino e taglia poi quel capello…
recensioni
20/05/2018

Vivere o morire. Motta, la condizione umana e l’elogio del dubbio

Se l’esordio di Motta con La fine dei vent’anni (2016) aveva tracciato un sentiero promettente per la carriera del musicista pisano, il suo secondo album Vivere o morire, rilasciato lo…
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/
la musica è bella, però regolatevi / la musica è bella, però regolatevi/


staradio.it@gmail.com
WhatsApp + SMS: 331.2328328